Dire che uno Stato non può perseguire i suoi scopi per mancanza di denaro è come dire che un ingegnere non può costruire strade per mancanza di chilometri - Ezra Pound

Stampa

Creare moneta dal nulla non è reato nè falso in bilancio

Scritto da Redazione.

Moneta dal nulla reato e falso in bilancio

 

L'articolo di Lettera43 dal titolo “ Creare moneta dal nulla? E' reato e va perseguito ” ci impone di intervenire anticipatamente sulla questione della creazione di denaro dal nulla, sul perchè è assurdo credere che sia un reato e sull'assurdità del falso in bilancio all'atto della contabilizzazione nonché l'assurdità di pretendere che la moneta che rientri in banca, dopo la restituzione del prestito, venga tassata per la sua quota capitale.

Stampa

Reddito Cittadinanza e prospettiva auritiana: precisazioni

Scritto da Redazione.

reddito di cittadinanza

 

Rispondiamo ad un articolo di Andrea Cavalleri pubblicato sul sito di Maurizio Blondet dal titolo
" Reddito di Cittadinanza: l'errore di Auriti " 

________________________________________________________________________________________

L’amico Andrea Cavalleri, ispirato da un precedente articolo di Maurizio Blondet, ha proposto una interessante riflessione sul “reddito di cittadinanza” e le sue problematicità.

Stampa

Ai geselliani amici di Blondet: la moneta non è merce

Scritto da Redazione.

Gesell

In risposta ad un articolo di Andrea Cavalleri pubblicato sul sito di Maurizio Blondet dal titolo “Reddito di Cittadinanza: l'errore di Auriti”.

Il Cavallari critica il reddito di cittadinanza enunciato da Auriti basandosi soltanto sulla lettura di un libro del compianto professore,Il Paese dell'Utopia, senza conoscerne l'intera opera scientifica. D'altronde è un errore che fanno in tanti, quello di criticare Auriti senza conoscerlo

.

Stampa

STORIA SCONOSCIUTA: L'AFFARE BAFFI FU SCONTRO TRA POPOLO E FINANZA

Scritto da Redazione.

Paolo Baffi

 

 

 

STORIA SCONOSCIUTA: L'AFFARE BAFFI FU SCONTRO TRA POPOLO E FINANZA

"Come ci hanno impoverito e coloro che sapevano".

 

Luglio 1981, una svolta epocale per il nostro Paese.

In quella fatidica data avvenne la prima collocazione di titoli del debito pubblico italiano sotto il nuovo

regime di politica monetaria inaugurato dal “divorzio” Bankitalia/Tesoro.

Come ci ricorda l’ex direttore di Filiale di Banca d’Italia, dott. Paolo Tanga, prima di detta

riforma, ossia fino al momento in cui la guida dell’istituto era affidata al dott. Paolo Baffi: